Una possibilità di cambiamento: affrontare la violenza di genere attraverso la giustizia risarcitoria

0
38

Oggi, con finanziamenti Erasmus +, Restorative Justice for All International Institute lancia il progetto “Chance for Change” (C4C) guidato dai giovani, che riunisce un partenariato strategico intersettoriale di 6 organizzazioni per sviluppare metodi e strumenti innovativi, guidato dalla comunità, educativi per aiutare ad affrontare le cause profonde che portano alla violenza di genere (GBV) e alla discriminazione di genere.
Nelle nostre moderne società europee, la violenza di genere (GBV) e alla discriminazione di genere continua ad essere un fenomeno diffuso che influisce sulla vita dei giovani indipendentemente dalla loro religione, etnia, stato socio-economico o livello di istruzione. Vi sono anche prove che suggeriscono che i giovani lavoratori hanno bisogno di più capacità per affrontare questo fenomeno persistente, ponendo l’accento sul sostegno a gruppi emarginati di ragazze e giovani donne che tendono ad essere più espost. I risultati del progetto aiuteranno a realizzare la strategia Europa 2020 e le politiche dell’UE sulla parità di genere, mediante: ● Aumento della consapevolezza dei giovani sui loro diritti e responsabilità, in particolare per quanto riguarda violenza di genere, discriminazione, esclusione e abuso.
● Partecipazione dei giovani al progetto attraverso il volontariato e l’azione sociale.
● Sviluppo e sperimentazione di 2 corsi accreditati e un “Quadro delle competenze dei giovani lavoratori dei lavoratori giovani”
● Costruzione di relazioni tra le organizzazioni al servizio dei giovani nei paesi partecipanti e in tutta Europa, fornendo al contempo ai lavoratori chiave delle organizzazioni partecipanti nuove competenze e conoscenze in modo che possano raggiungere gli obiettivi del progetto e trasferirli ad altri.
Il dott. Theo Gavrielides, fondatore e direttore di RJ4All, ha dichiarato: “Siamo lieti di aver ricevuto il sostegno di Erasmus + per attuare questo innovativo programma per i giovani basato sui principi di giustizia riparativa di condivisione del potere, uguaglianza, dignità e rispetto. Non vediamo l’ora di lavorare con i nostri partner, utenti e giovani nei prossimi due anni” Desiree Noriega, responsabile del progetto, ha dichiarato: “Sono entusiasta di far parte di un progetto così importante e di poter diffondere le nostre scoperte nel resto d’Europa. Stiamo lottando per un cambiamento importante nella vita dei giovani e siamo felici di lavorare con partner così diversi ed esperti ”