Bilancio positivo per Asad, in arrivo dei ‘bonus’ per i soci

150

La cooperativa sociale perugina sorride per il conto economico del 2021 e combatte il caro carburante con un sostegno rivolto agli operatori, in particolare a quelli dell’assistenza domiciliare. La Presidente Cicchi: “Risultati frutto di un lavoro di squadra”

Venerdì 27 maggio al Park Hotel di Ponte San Giovanni si è tenuta l’assemblea generale dei soci  della cooperativa sociale ASAD per deliberare il bilancio consuntivo al 31 dicembre 2021 e il bilancio sociale 2021.

Una sala gremita, dopo due anni fortemente condizionati dalla pandemia da covid-19,

ha certificato un risultato di bilancio in positivo che premia una gestione improntata al mantenimento della qualità, dell’innovazione, dell’efficientamento dei servizi e dell’occupazione. Un’occupazione che cresce nel 2021 rispetto all’anno precedente  grazie al nuovo servizio ‘la residenza protetta Mosca’ di Gubbio, che Asad in collaborazione con il Labirinto si è aggiudicato lo scorso dicembre.

“Ringrazio tutti i soci – dichiara la Presidente di Asad, Liana Cicchi – perché il risultato del bilancio è frutto del loro lavoro, svolto con grande professionalità,  motivazione e tenacia, malgrado le difficoltà dovute al Covid, operando  e dando risposte a tante persone, soprattutto a quelle con maggiori fragilità. Chiudere un bilancio in maniera positiva  sempre importante, ancora di più in questi anni così complicati e difficili”.

Grazie alla gestione 2021 chiusasi in maniera positiva ASAD ha potuto e ha voluto riconoscere un bonus  ai  propri soci ,visto il caro carburante che ha messo a dura prova tanti soci e le loro famiglie,  soprattutto coloro che svolgono il servizio di assistenza domiciliare. Un servizio importantissimo che negli anni è stato fortemente ridimensionato dalla diminuzione delle risorse pubbliche ma per Asad rappresenta il servizio che l’ha vista nascere e che ancora oggi riveste un ruolo primario tra i settori della cooperativa.

“Asad è una grande squadra – conclude Liana Cicchi – che ha dimostrato di saper serrare le fila nei momenti più difficili e allo stesso tempo per camminare unita per continuare ad accrescere il benessere delle comunità in cui vive ed opera”.