Asad, Adic e Legambiente Umbria insieme per “fare rete”

0
108

A Palazzo Donini un incontro per presentare i progetti in comune

Si è svolta nella mattinata di lunedì 4 giugno, presso l’aula dell’Assemblea Legislativa all’interno di Palazzo Donini, la conferenza stampa illustrativa dei progetti che vedono la collaborazione tra la Cooperativa Asad, Adic e Legambiente Umbria.

I presidenti delle associazioni, procedendo con unità di intenti per raggiungere obiettivi in comune, hanno già nei mesi scorsi sottoscritto dei protocolli d’accordo, che hanno sancito l’avvio della collaborazione.

“Siamo qua in Regione per presentare l’accordo tra la Cooperativa Asad e Adic, che è l’associazione per i diritti dei cittadini”, ha esordito la presidente di Asad, Liana Cicchi.

“Dal punto di vista valoriale, la nostra Cooperativa e l’Associazione credo che abbiano molti punti in comune: il primo è quello della tutela dei diritti delle persone. Asad opera sul territorio da oltre quarant’anni e si occupa soprattutto di coloro che hanno delle fragilità”.

“Il punto principale che ci lega ad Adic – ha proseguito la Cicchi – è il riconoscimento e sostegno dei diritti individuali della persona, l’altro punto è quello del fare rete, cosa oggi essenziale, soprattutto in questi anni di crisi. Fare rete ci ha permesso di avere contatti con le istituzioni, con le famiglie passando per le associazioni. Proprio in questo viaggio nei territori abbiamo incontrato Adic e con loro è nata subito una sintonia”.

La Presidente della Cooperativa Asad ci ha tenuto poi ha ricordare che:

“L’accordo con Adic ha dei punti; primo fra tutti l’impegno a far conoscere ai soci Asad l’associazione Adic e di poter anche usufruire dei servizi messi a disposizione. A tal proposito abbiamo allestito in Cooperativa uno sportello rivolto all’intera comunità di Ponte San Giovanni”. Guardando al prossimo futuro, la Presidente Cicchi ha anticipato che ci saranno dei progetti in comune, con l’unico obiettivo di rendere migliore la vita delle persone. Ha fornito anche qualche dettaglio a tal proposito, dichiarando che tra gli eventi in cantiere, uno è in programma a fine giugno e avrà come obiettivo quello di mettere al centro gli anziani. “Sarà l’occasione per fare formazione e informazione agli anziani e metterli in guardia da eventuali truffe”, ha dichiarato.

In conclusione, la Presidente Cicchi ha ricordato che la collaborazione tra Asad e Adic ha una valenza in tutto il territorio della Provincia, ad eccezione di Foligno. “Questo di oggi – ha chiosato la Cicchi – segnerà una lunga e fattiva collaborazione che porterà solo cose positive per la comunità”. A prendere poi la parola è stato il Presidente di Adic Umbria, Giuliano Mancinelli, il quale ha esordito tracciando il profilo dell’Associazione: “Adic è un’associazione di consumatori utenti, ovvero di cittadini e il suo intento è di rivolgersi a tutti i cittadini e creare una rete importante con tutte le associazioni del territorio”.

Non sono mancati i ringraziamenti alla Presidente di Asad, Liana Cicchi e ad Alessandra Paciotto, Presidente di Legambiente Umbria, che “hanno raccolto il nostro invito e ci hanno permesso di allargare la nostra capacità comunicativa su tematiche molto importanti quali ambiente, sociale e salute”. A dare qualche informazione in più sugli accordi tra Asad, Adic e Legambiente, ci ha pensato l’intervento di Franca Cammello, collaboratrice di Adic:

“Si tratta di un accordo fatto da tre parti: una informativa, una comunicativa e poi una parte progettuale perché cercheremo di fare dei progetti congiunti sia con Legambiente per quanto riguarda l’ambiente, sia con Asad per quanto riguarda il sociale”, ha precisato.

Come anticipato dalla Presidente di Asad, la Cammello è tornata a parlare dell’evento in programma per il 29 di giugno a Ponte San Giovanni: “Faremo un incontro sulla consapevolezza bancaria e finanziaria, con i nostri avvocati, le forze dell’ordine e giudici di pace”.

“Si tratteranno le tematiche delle truffe sulle bollette, sui buoni postali – ha proseguito – Ci occupiamo anche dei migranti, dei permessi di soggiorno, delle vendite porta a porta, tutto ciò che riguarda le traversie della vita quotidiana del cittadino”.

“I nostri sportelli a Perugia sono tre e sono accessibili tutti i pomeriggi – ha chiosato la collaboratrice di Adic -le informazioni sono gratuite mente per avviare una pratica è necessario per leggere fare una tessera dal costo di dieci euro con valenza biennale. Gli avvocati hanno inoltre costi decisamente ridotti rispetto agli altri legali, costi molto accessibili a tutti”.

Molteplici dunque i punti di contatto tra le associazioni che sono già impegnate per raggiungere gli stessi obiettivi, al centro dei quali ci sono i cittadini, le persone. Accordi sentiti dunque da tutti i contraenti, che da sempre guardano nella medesima direzione e che si concentrano ora sul futuro con il massimo impegno di concretizzare ogni idea messa su carta fino ad ora.